La Cessione del Quinto dello Stipendio è una particolare forma di finanziamento alla quale accedono, sia i dipendenti statali,pubblici e privati, che i pensionati. Dopo aver pagato almeno i 2/5 del prestito è possibile rinnovare il finanziamento, ovvero chiudere il debito prima della scadenza e ottenere ulteriore liquidità, istruendo un'altra operazione, sempre con trattenuta sullo stipendio o sulla pensione.

Secondo la nostra esperienza, la maggior parte dei conteggi estintivi rilasciati dalle Banche o dalle Finanziare non è corretto e non conforme a quanto stabilto dalla normativa vigente.

In questo caso il cliente ha il diritto di reclamare la restituzione delle somme trattenute in sede di conteggio di anticipata estinzione.

La gestione del recupero di tali somme di norma, non è nè breve nè semplice, ma alla fine le soddisfazione per i nostri assistiti e per il nostro staff sono tante !

CONTATTACI per una VALUTAZIONE GRATUITA della Cessione Estinta Anticipatamente!

Inviaci un'email all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamaci al n. 0437 932970

ESTINZIONE ANTICIPATA PRESTITO E RESTITUZIONE PREMIO ASSICURATIVO

A seguito di richiesta di estinzione di un finanziamento, spesso accade che le Banche non prevedano, tra l'altro, la restituzione della quota assicurativa non goduta, anche se pagata interamente e anticipatamente all'atto della stipula del contratto.

Se si decide, dopo qualche anno dall'estinzione, di chiedere all'intermediario la restituzione del premio non maturato, finanziarie e banche negato tale diritto, sollevando eccezione di avvenuta prescrizione dei termini.

Riferendosi a quanto previsto dal codice civile, effettivamente, la prescrizione è, a seconda dei casi, di 1 o di 2 anni.

E' altrettando vero però che, nei contratti con trattenuta in busta paga, la sottoscrizione delle polizze è prevista per legge e quindi non è facoltativa. La Banca o la Finanziaria, non solo si fa da tramite, tra il cliente e la Compagnia assicurativa, per l'incasso anticipato del costo delle polizze, ma oltremodo, tali costi vengono finanziati e rientrano quindi nell'ammortamento del prestito. Ne consegue che, in occassione dell'estinzione anticipata, il diritto al rimborso dei premio assicurativo versato per il periodo di copertura non goduto, rientra tra quellii previsti dal Testo Unico Bancario e dalle varie Circolari emanate in materia, dalla Banca D'Italia.

La prescrizione breve, prevista dal Codice Civile, quindi in questo caso non può essere applicata, ma è possibile chiedere la restituzione del premio assicurativo versato in sede di stipulazione del contratto e non goduto, per il residuo periodo dei copertura, per 10 anni a decorrere dalla data di estinzione anticipata del finanziamento.

Se hai estinto un a cessione del quinto dello stipendio/pensione o delegazione di pagamento negli ultimi 10 anni, contattaci !

1- INVIACI COPIA DEL CONTRATTO SOTTOSCRITTO E RELATIVO CONTEGGIO;

2- ATTENDI CHE TI VENGA COMUNICATA GRATUITAMENTE E SENZA IMPEGNO LA NOSTRA VALUTAZIONE;

3- DECIDI DI AFFIDARTI ALLO STUDIO OMNIA SERVICE;

 

FISSA UN APPUNTAMENTO PER UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA AL N. 0437 932970

ESTINZIONE ANTICIPATA CESSIONE DEL V°. RESTITUITI 7500 €

Elena, operaia della provincia di Novara, alla fine del 2009 decide di sottoscrivere un finanziamento tramite cessione del quinto dello stipendio con una società finanziaria, che successivamente cedeva il prestito ad un altra banca. Circa 3 anni dopo, la ragazza decide di estinguere anticipatamente e contatta la finanziaria per l'elaborazione ed il rilascio del conteggio.

Dall'analisi del prodotto sottoscritto da Elena e poi estinto, non solo è risultato che la finanziaria dovesse retrocederle circa 5500 € tra premio assicurativo non goduto e spese, ma, oltre a questo, in sede di conteggio l'intermediario aveva imputato anche 5 rate insolute per alltri 1250 €.

In merito agli interessi convenuti in sede di stipulazione inoltre, il TAEG applicato risulta essere stato giusto al limite rispetto a quanto consentito dalla legge all'epoca vigente, ma sicuramente usurato, a partire da gennaio del 2010, con l'entrata in vigore delle nuove norme sul calcolo del TAEG al fine dell'usura.

La finanziaria alla prima contestazione ha provveduto a rimborsare solo le rate dichiate insolute , respingendo qualsiasi ulteriore pretesa.

Dopo circa un anno di lavoro però Elena, grazie allo staff dello Studio Omnia Service, ha ricevuto un assegno di 7500 € a titolo di rimborso deli premi assicurativi e delle spese sostenute antipatamente e non godute, oltre altro storno degli interessi pagati indebitamente.

Se anche tu hai estinto anticipatamente una cessione del quinto dello stipendio/pensione o una delegazione di pagamento contattaci!

1) invia a mezzo email all'indirizzo: info@omniaservizifinanziari.com o via fax al n. 0437 932970 copia del contratto sottoscritto e relativo conteggio;

2) attendi la valutazione gratuita e senza impegno da parte del nostro staff, assieme al nostro miglior preventivo ;

3) decidi si affidarti allo Studio Omnia Service per la gestione stragiuziale della pratica;

 

Fissa un appuntamento senza impegno al n. 0437 932970!

 

 

 

RESTITUZIONE POLIZZA ASSICURATIVA E ONERI NON MATURATI

Il Sig. Francesco, dipendente statale, ci ha contatto qualche mese fa per chiederci di verificare l'estinzione di una cessione del quinto avvenuta nel 2011.

Il nostro assistito infatti, aveva sottoscritto un contratto di finanziamento con trattenuta in busta paga nel 2006 con una finanziaria, incaricata di un altra società facente gruppo di un importante istituto bancario italiano, provvedendo ad estinguerlo nel 2011.

In occasione del rilascio del conteggio di anticipata estinzione, la finanziaria gli aveva addebitato due rate insolute, seppur debitamente pagate.

Il Sig. Francesco giustamente si è subito attivato, contattando la finanziaria per chiedere la restituzione delle rate ma, con suo stupore, la società interpellata gli  ha spieganto che,  non essendo più in attività come intermediario finanziario e, oltrettuto non essendo più incaricata della banca, avrebbe dovuto porre le sue richieste direttamente alla società mandante. Così ha fatto, senza però ricevere alcuna risposta.

Poca fortuna ha avuto anche con la richiesta di restituzione del premio assicurativo non goduto alla Compagnia Assicurativa, che infatti gli ha risposto negativamente.

Seppur un pò diffidente, ci ha inviato la copia del contratto stipulato e il relativo conteggio estintivo. Valutando la documentazione siamo stati in grado di  comuncargli che, oltre alla due rate pagate in eccedenza, sarebbe state suo diritto ottenere un rimborso delle spese non maturate in occassione dell'estinzione anticipata del finanziamento, di circa 3000 €.

Con un pò di stupore quindi il Sig. Francesco ha deciso di affidarci l'incarico.

Dopo circa 5 mesi, siamo riusciti a fargli avere la cifra annunciata!

SE ANCHE TU ANCHE ESTINTO ANTICIPATAMENTE UNA CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO O UNA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO, CONTATTACI!!

- INVIA LA COPIA DEL CONTRATTO SOTTOSCRITTO E IL RELATIVO CONTEGGIO DI ANTICIPATA ESTINZIONE VIA E MAIL ALL'INDIRIZZO : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. O A MEZZO FAX AL N. 0437 932970;

- CHIEDI DI FAR VALUTARE GRATUITAMENTE L'ESTINZIONE;

- ATTENDI LA NOSTRA VALUTAZIONE;

Sarai informato gratuitamente sulla correttezza del conteggio emesso e sulla possibilità di poter chiedere il rimborso delle spese non maturate, assieme al nostro miglior preventivo.

 

Estinzione anticipata Cessione del V°: restituiti 6000 €

Sono giunte a distanza di pochi giorni una dall'altra, due significative vittorie per due clienti assistiti da Omnia Service in collaborazione con lo staff di AECI, Associazione EuropeaConsumatori Indipendenti.

Due casi simili, due prodotti finanziari simili: Cessione del Quinto dello Stipendio e Cessione del Quinto della Pensione.

Patrizio e Franca stipulano entrambi nel 2009 un prestito con una durata iniziale di 120 mesi che decidono di estintuere anticipatamente nel 2013.

Tra una pratica e l'altra, le quote non maturate e suscettibili di restituzione a seguito di estinzione ammontano ad oltre 6.000 €.

Al momento dell'estinzione, avvenuta in entrambi i casi dopo il pagamento della 50° rata, la finanzairia  ha "scalato" gli interessi non maturati e ha riconosciuto un rimborso per "oneri gestionali " di poco inferiori a 300 €. Cifre molto inferiori rispetto a quanto effettivamente spettante a Patrizio e Franca!

Il diniego da parte degli Istituti finanziari a rimborsare tutte le spese non maturate è arrivato perfino dopo la presentazione dell'istanza all'ABF, Arbitro Bancario Finanziario, tramite AECI.

Alla fine, con enorme soddisfazione da parte dei nostri assistiti, seppur dopo 7 mesi, il Collegio di Milano dell'ABF  ha accolto le richieste dei nostri due assistiti  tramite AECI e ha disposto che le Banche corrispondano quanto richiesto oltre gli interessi.

In entrambe le Decisioni il Collegio segnala i ripetuti richiami della Banca D'Italia ad un maggior rispetto della normativa sulla trasparenza "onde evitare la mancata conoscenza da parte del cliente del diritto alla restituzione delle somme dovute in caso di estinzione anticipata e la concreta applicazione di tale principio".

Se devi rinnovare la tua Cessione del quinto dello stipendio o pensione o la tua Delegazione di pagamento rivolgerti al nostro Staff per un preventivo personalizzato e per l'assistenza post estinzone e il recupero delle eventuali somme non maturate, oltre alla valutazione del finanziamento in corso!!

 

OLTRE 2.600 € RESTITUITI A SEGUITO DI ESTINZIONE ANTICIPATA DI UNA CESSIONE

 

Un'altra vittoria per il nostro Staff!

Siamo infatti riusciti a far ottenere la restituzione di oltre 2.600 € ad un nostro cliente che nel 2009 aveva sottoscritto un finanziamento tramite cessione del quinto dello stipendio e lo aveva estinto anticipatamente all'inizio del 2014.

Si è affidato a noi con un pò di diffidenza inizialmente; mai avrebbe potuto immaginare di ottenere la restituzione di una cifra così importante da una finanziaria!!!

Certo la gestione della pratica ha richiesto dei tempi non brevi ma il nostro assistito con un pò di stupore, ha potuto usufruire di una cifra che gli  spettatava per diritto.

Ormai sono numerose anche le decisioni dei vari collegi dell'ABF (Arbitro Bancario Finanziario)  che riconoscono il diritto alla refusione dei costi sostenuti anticipatamente e non "goduti" per l'estinzione del prestito ante termine.

Se anche tu hai estinto un finanziamento con trattenuta sullo stipendio o sulla pensione per rinegoziarlo o anche a seguito di licenziamento, chiamaci!

 

Puoi fissare un appuntamento senza impegno

contattando il n. 0437 932970

o scrivendo all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Verifica

della documentazione necessaria al Cliente per l’invio della domanda di finanziamento, nel rispetto delle normative e della privacy.

Canalizzazione

diretta delle pratiche all’Istituto bancario/di credito che è più adeguato per la concessione del finanziamento.

Supporto

alla predisposizione della documentazione contrattuale e assistenza al Cliente in tutte le fasi pre e post contrattuali.