Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

QUANTO COSTA IL RILASCIO DELLA COPIA DELLA DOCUMENTAZIONE ALLA BANCA O ALLA FINANZIARIA

Se hai smarrito gli estratti conto o i contratti con la banca o con una finanziaria è tuo diritto chiederne e ottenerne una copia.

L'istituto deve fornire la documentazione entro un tempo congruo, non superiore ai 90 giorni dalla presentazione della richiesta. Il cliente, dal canto suo, può esigere solo gli estratti conto degli ultimi 10 anni.

Ma a che costo? La banca può pretendere il rimborso per la spesa per la produzione delle copie della documentazione?

Certo, ma il rimborso deve proporzionato e contenuto. All’istituto di credito sono infatti, certamente dovuti, i costi per la ricerca, produzione e L'invio della documentazione, ma non per questo possono essere addebitate al cliente spese troppo elevate, così da pregiudicargli la possibilità di difendersi.

Il Collegio dell'Arbitro Bancario Finanziario di Milano, nella Decisione del Marzo scorso, ha stabilito un massimo di 20 euro che la Banca/Finaziaria può chiedere al cliente per il rilascio della copia della documentazione.

Ovviamente questo è anche il caso degli eredi che vogliano esaminare la lista delle operazioni eseguite sul conto dal titolare ormai deceduto, onde scongiurare eventuali prelievi illegittimi e non autorizzati, fatti da parenti cointestatari o delegati alla firma qualche giorno prima della morte dell’intestatario.

Secondo il Collegio ABF sarebbe illeggitima e contraria alla legge la pratica adottata da alcuni Istituti di applicare al cliente una tariffa forfettaria a "singolo foglio" . Il rimborso è infatti dovuto solo a "unico documento", inteso come, per esempio, il contratto completo di conto corrente o l'estratto conto completo di tutte le operazioni degli ultimi 10 anni. Non è giustificabile quindi applicare  il costo di 10 euro per la riproduzione di ogni singola pagina, ma l'addebito è riferito al documento completo e non potrà essere superiore a  20 euro.

Lo stesso Garante della privacy, intervuto sul medesino argomento, ha determinato adeguato un tetto di 20 euro per il rimborso delle spese per la ricerca e la riproduzione in caso di richiesta di accesso ai dati personali.

La Decisione infine, stabilisce anche che, il cliente non dovrà pagare al momento della richiesta della documentazione, ma solo alla consegna.

Richiedi una consulenza su questo argomento

Fissa un appuntamento al n. 0437 932970

Verifica

della documentazione necessaria al Cliente per l’invio della domanda di finanziamento, nel rispetto delle normative e della privacy.

Canalizzazione

diretta delle pratiche all’Istituto bancario/di credito che è più adeguato per la concessione del finanziamento.

Supporto

alla predisposizione della documentazione contrattuale e assistenza al Cliente in tutte le fasi pre e post contrattuali.